Home / Thailandia Info / Cultura / Minoranze etniche e religione | Ee-Bee Hmong in Thailandia
Ee-Bee Hmong

Minoranze etniche e religione | Ee-Bee Hmong in Thailandia

Ho “scoperto” il santuario degli Ee-Bee Hmong qualche anno fa, per caso, durante uno dei miei giri tra le montagne della provincia di Nan, nel nord  della Thailandia. Un santuario nella natura, con una bellissima atmosfera.

La minoranza etnica Hmong è tradizionalmente animista, con influenze di sciamanesimo e culto degli antenati. Da poco più di un decennio è però nata questa “corrente” degli Ee-Bee Hmong, più “religiosa”, che venera il “profeta” Minù, i cui insegnamenti sono una via di mezzo tra quelli di Gesù e quelli del Buddha.

Il santuario ancestrale a Thung Chang

Il santuario Ee-Bee Hmong è situato non molto distante da casa mia, tra le montagne di Thung Chang, e le mie visite sono diventate molto frequenti. Piano piano sono entrato in confidenza con il “grande maestro” e con il suo assistente, che erano gli unici ad abitare presso il santuario.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Nel frattempo la piccola comunità si è ingrandita, sono state costruite alcune capanne per ospitare altri Hmong che seguono questa “nuova religione” e per accogliere i numerosi visitatori, della stessa etnia, che vengono in pellegrinaggio dalle altre province thailandesi durante i riti sacri.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Pare si tratti di una religione antica, riscoperta solo recentemente grazie al ritrovamento di piccole pagode che erano state inghiottite dalla foresta. Le informazioni su questo gruppo e questa religione sono purtroppo molto scarse. Quello che so mi è stato raccontato dal “grande maestro”, che è anche in contatto con alcune università statunitensi interessate alla “riscoperta” della religione del profeta Minù.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Verso la metà di novembre ho ricevuto un messaggio dall’assistente del “grande maestro”, con l’invito a partecipare a una cerimonia di tre giorni, che si sarebbe svolta a fine mese. Il messaggio diceva che quella sarebbe stata la cerimonia per il loro capodanno. Sono rimasto molto sorpreso, in quanto il capodanno dei Hmong 2016-2017 avrebbe dovuto svolgersi alla fine di dicembre. Incuriosito gli ho assicurato la mia presenza per l’ultimo giorno della cerimonia, che sarebbe stata la giornata più’ importante.

Per la prima volta il santuario era affollato, con Hmong che seguono la religione Ee-Bee Hmong arrivati da quattro villaggi: due in provincia di Phayao, uno in provincia di Phetchabun e un altro sempre in provincia di Nan, ma situato nel distretto di Pua. Da quello che mi ha detto il “grande maestro” questi sono gli unici villaggi nei quali, per il momento, ci sono adepti di questa religione.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Per l’occasione, sono stati invitati anche i capo-villaggi dei villaggi Hmong delle vicinanze (che non seguono questa religione) e un comitato della guardia forestale thailandese, che sono gli addetti di zona di questa montagna, facente parte del Parco Nazionale Doi Phukha.

Guarda gli hotel a Thung Chang

Ee-Bee Hmong | La cerimonia

Vediamo ora come si è svolta la cerimonia del capodanno Ee-Bee Hmong, che per questa “minoranza di una minoranza etnica” avviene un mese lunare prima di quello dei Hmong tradizionali.

Dopo le preghiere collettive il “grande maestro”, il suo assistente, un delegato degli altri villaggi e una “monaca” che vive presso il santuario rendono omaggio al profeta Minù presso il tempietto principale, accompagnati da un gruppetto di “majorette”, che avrebbero poi allietato la cerimonia con un piccolo ballo tradizionale.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Attorno al “totem”, eretto per l’occasione e che rappresenta il mondo e i suoi elementi, vengono “spazzati via” gli spiriti maligni, che hanno eventualmente infestato l’anno che finisce.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

E’ giunto il momento in cui gli “ospiti di riguardo” vengono invitati a rendere omaggio al profeta Minù. Con mio grande imbarazzo mi rendo conto di essere considerato uno di loro e vengo quindi invitato ad andare al tempietto principale con i capo-villaggio e i rappresentanti della guardia forestale, accompagnati dall’assistente del “grande maestro”.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Ascoltiamo quindi le parole dell’assistente, rivolte al profeta, con buoni auspici per l’anno nuovo. Segue una breve “preghiera”, poi tre genuflessioni in stile buddhista. Una per la terra, una per cielo e una per l’uomo.

E’ adesso il turno delle “majorette”, che vanno prima a rendere omaggio al profeta, e poi si esibiscono in una danza tradizionale.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

L’assistente spiega poi il significato del piccolo altarino eretto per l’occasione, con la rappresentazione deigli alimenti principali per i Hmong.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Dopo il discorso di fine anno del “grande maestro”, viene il turno dei discorsi degli ospiti di riguardo. A questo punto vorrei sprofondare… ma non ci riesco! Mi tocca quindi fare un breve discorso di ringraziamento…

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

La cerimonia volge al termine, ma non prima del pranzo comune con il quale si porge l’ultimo ringraziamento al profeta Minù per questo anno che è terminato.

Ee-Bee Hmong Ee-Bee Hmong

Come raggiungere il santuario Ee-Bee Hmong

Il santuario si trova a Thung Chang, nel nord della provincia di Nan, tra le montagne del Parco Nazionale Doi Phukha, vicino al confine con il Laos.

Ci sono collegamenti diretti di autobus per Thung Chang da Bangkok, Chiang Mai e Phitsanulok. Ci sono anche sei voli giornalieri Bangkok-Nan e due collegamenti Chiang Mai-Nan. Per raggiungere Thung Chang da Nan, autobus Nan-Thung Chang, uno ogni ora, dalle sei del mattino alle sei di sera.

Ci sono inoltre minivan per Thung Chang da Den Chai, da Phrae, e dalla frontiera internazionale Thai-Laos di Huai Khon-Muang Ngeun.

Informazioni e consigli

Sono a disposizione per altre eventuali informazioni e consigli. Potete contattarmi lasciando un commento sul nostro sito, oppure tramite il nostro gruppo Thailandia e Sud Est Asiatico o la nostra pagina facebook

About Marco Pagani

Foto del profilo di Marco Pagani
Vivo in Thailandia dal dicembre del 2000, e ho trovato “casa” tra le montagne del nord, vicino al confine con il Laos. Mi piace viaggiare lentamente, alla ricerca di emozioni, che derivano dalle piccole cose, dalle atmosfere e dalla gente...

Check Also

Doi Suthep-Pui

Chiang Mai | Escursione al Doi Suthep-Pui

La visita al Parco Nazionale Doi Suthep-Pui, la montagna che si vede dal centro di …