Home / Thailandia Info / Informazioni / Muay Thai | Allenarsi in Thailandia nei camp più prestigiosi del mondo
muay thai, camp, muaythai, noexcuses, athlete, muaythaifighter, gym
Bendaggi muay thai

Muay Thai | Allenarsi in Thailandia nei camp più prestigiosi del mondo

Muay Thai: che tu sia un fighter esperto o anche solo un principiante non perdere l’occasione di allenarti in un camp thailandese. Ecco alcuni suggerimenti.

Se stai progettando un viaggio in Thailandia, e sei anche solo un minimo appassionato di sport da combattimento, devi assolutamente allenarti in un camp di muay thai. Quale camp? Avrai solo l’imbarazzo della scelta, ma dovrai prima fare una serie di considerazioni in modo da non sprecare una buona occasione.

A differenza di qualche anno fa, quando ancora era difficile per gli stranieri accedere ai camp di muay thai (soprattutto per le ragazze), oggi è semplicissimo. La domanda negli anni si è fatta così abbondante che sono spuntati camp un po’ ovunque. Purtroppo si è perso molto dell’immagine “romantica” del camp stesso, così come ce lo immaginavamo o come era in passato; oggi la muay thai in tutti i suoi aspetti è diventata un’industria vera e propria, con un volume d’affari incredibile, a partire dai prezzi esorbitanti richiesti per allenarsi. Per avere un’idea dei prezzi considera che un ingresso giornaliero con 2 sessioni di muay thai (sulle isole) costa dai 10 ai 15 euro, una settimana dai 50 ai 60 euro, un mese circa 200.

Muay Thai | in Thailandia: dove allenarsi?

La risposta è semplice: ovunque. In qualsiasi città o isola thai ci sono uno o più camp, quindi dovrai valutare una serie di fattori legati prevalentemente alle tue aspettative. Tieni presente che, se scegli di andare in qualche camp sperduto nel nulla, avrai pochissima scelta sul cosa fare nel tempo libero. Generalmente le sessioni di allenamento sono due al giorno, di 2/3 ore ciascuna. Fra la sessione del mattino e quella del pomeriggio avrai a disposizione qualche ora: se stai preparando un match importante e non vuoi avere distrazioni allora ok alla vita 100% muay thai che il camp sperduto nel nulla ti offre, ma se stai pensando ad una vacanza sport considera un posto che possa offrirti altro, oltre a guantoni e olio riscaldante, soprattutto se non viaggi solo. Quindi ok alle città più famose o alle isole. Non lasciarti inoltre ingannare dai camp con nomi altisonanti, non pensare che Buakaw, per esempio, si metta lì ad insegnare personalmente tutte le classi di muay thai, ma troverai il suo staff a lavorare con te.

Superpro Koh Samui Muay Thai Camp MMA
Superpro Koh Samui Muay Thai Camp MMA

Muay Thai | alloggiare al camp si o no?

Se viaggi da solo o con altre persone che si allenano, dormire al camp è, secondo me, la soluzione migliore. Innanzitutto per comodità, non devi pensare a spostarti avanti e indietro più volte al giorno, ma soprattutto potrai godere dello spirito di gruppo che si crea fra persone che condividono con così tanto amore e devozione la stessa passione. Troverai camp che offrono diverse soluzioni abitative, dalla stanza super cheap con stuoia sul pavimento, bagno in comune e doccia col secchio, a quelli più moderni ed eleganti con stanze nuove, aria condizionata e tutti i comfort che desideri. Tendenzialmente le palestre di muay thai che hanno anche le stanze offrono prezzi davvero interessanti a chi alloggia da loro, ma non è una regola.

A Samui, per esempio, la Superpro Samui offre alloggi di ottima qualità e ottimo rapporto qualità prezzo, se consideri che i costi della palestra sono inclusi (inserisci le tue date e controlla i prezzi qui)

Muay Thai Fight in Thailandia
Muay Thai Fight in Thailandia

Muay Thai | cosa aspettarsi dall’allenamento al camp

Lungi da me l’idea di smontare il mito dell’allenamento in Thailandia, per carità, però è giusto che tu sappia che:

  • per i thai non esiste altro sport da combattimento all’infuori della muay thai, ciò significa che se anche sei campione del mondo di qualsiasi altra disciplina, ma sei al primo approccio con la muay thai, sarai comunque considerato (almeno per un po’) un principiante;
  • nei camp la stragrande maggioranza dei trainer (in thai Kruu, meglio ancora Khun Kruu se non hai confidenza) non parla inglese, per cui il miglior modo di imparare è osservare. Tieni gli occhi bene aperti e cerca di memorizzare più che puoi. L’approccio dei Kruu è molto meno friendly rispetto ai canoni a cui siamo abituati in Europa, questione di abitudini e cultura, non fartene un cruccio. Rispetta e sarai rispettato, ma non aspettarti gesti di particolare affetto;
  • a differenza della palestra che abitualmente frequenti, nella quale bene o male siete sempre gli stessi e il maestro vi conosce, nei camp thailandesi c’è un incredibile turn over di gente, ogni giorno, ogni settimana, passano centinaia di persone diverse. Per questa ragione, ed un po’ per pigrizia, le prime volte farai un allenamento molto generico, che generalmente è “troppo poco” per gli esperti e “troppo” per i principianti. Non scoraggiarti, in poco tempo verrai “valutato” e l’allenamento diventerà più su misura;
  • l’allenamento è lungo, non partire a 100 all’ora! Datti il tempo di recuperare il jet lag e di ambientarti ad umidità e temperature, anche se sei superallenato;
  • in Thailandia vengono ad allenarsi campioni da ogni angolo del mondo, approfittane! Sii curioso, chiedi, confrontati con loro;
  • se sei un principiante prenditi i tuoi tempi, bevi molto e spesso, non farti prendere dall’ansia da prestazione. Porta pazienza all’inizio quando ti sembrerà di essere capitato in una gabbia di matti! Col tempo capirai che si, sei in una gabbia di matti, ma comincerà a piacerti l’idea. Non demoralizzarti se non riesci a finire la lezione e se nessuno ti spiega come vorresti, imparerai in fretta, ti divertirai;
  • sii motivato e serio, soprattutto se vuoi combattere qui in Thailandia. Distinguiti dalla massa dei tanti che arrivano, dichiarano grandi cose e poi, dopo due party in spiaggia, non si vedono più;
  • segnala al manager o all’head trainer se c’è qualcosa che non va durante le sessioni di allenamento o al camp in generale;
  • se sei donna sappi che alcuni dei trainer non faranno clinch con te, non per snobbarti o sottovalutarti, ma solo per una questione di contatto fisico. Sali sempre sul ring passando al di sotto dell’ultima corda in basso, obbligatorio quando combatti, gradito anche in palestra;
  • la risposta più frequente alle tue domande sarà “No pain, no muay thai”, anche se la domanda era totalmente diversa!
Alistair Overeem UFC MMA training in thailand
Alistair Cees Overeem MMA UFC fighter
K-1 World Grand Prix Champion
training at Superpro Samui.

Muay Thai | cosa comprare

In una sola parola TUTTO. Abbigliamento, protezioni, oli, unguenti, tape, colpitori per tutti i gusti, chi più ne ha più ne metta!

Fai attenzione alle quantità, per non avere guai in dogana all’arrivo. Tutto ciò che può passare come acquisto personale è ok, ma dubito che il finanziere di turno crederà mai che 10 paia di guantoni stessa marca stesso colore siano tutti per te.

Alcune assicurazioni mediche non coprono infortuni legati ad alcune attività sportive, accertati di scegliere la polizza giusta

 

About Nostramanus

mm
Quando ero piccina ho iniziato a parlare e a camminare molto tardi, forse è per quello che non ho mai più smesso! La curiosità è femmina e quindi mi appartiene, amo viaggiare e vedere con i miei occhi luoghi, culture e abitudini diverse dalla mia. Da qualche anno vivo stabilmente a Koh Samui in Thailandia e la amo profondamente con tutti i suoi pregi, difetti e contraddizioni e posso dire con assoluta certezza che quest’isola, ormai, non ha più segreti.

Check Also

Thailandia: perchè e quando optare per un tour operator

Thailandia: perchè e quando affidarsi ad un tour operator

Thailandia, non solo soggiorno mare Quando si parla di Thailandia la prima cosa che ci …