Home / Thailandia: Cosa vedere / Sud e isole / Parco Nazionale Khao Sok e lago Ratchaprapa| Thailandia del sud
Alba al parco nazionale Ratchaprapa Dam (Khao Sok)
Alba al parco nazionale Ratchaprapa Dam (Khao Sok)

Parco Nazionale Khao Sok e lago Ratchaprapa| Thailandia del sud

Il Parco Nazionale Khao Sok e il lago Ratchaprapa Dam (scritto anche Rachaprabha) sono l’ideale se vuoi visitare una parte di Thailandia totalmente diversa da quella che vedi nelle classiche foto. Sei stanco di templi, spiagge e tramonti? Prepara le scarpette da ginnastica, andiamo in gita.

Il Ratchaprapa Dam si trova nel parco nazionale di Khao Sok nella provincia di Surat Thani nella parte meridionale della Thailandia, a circa un’ora di auto dall’aeroporto di Surat Thani. È stato costruito artificialmente nel 1982 sotto la supervisione dei responsabili del parco nazionale di Khao Sok e l’Ente Provinciale per l’energia elettrica, in modo da fornire energia idroelettrica alla città di Surat Thani.

La diga sul fiume Khlong Saeng, lunga 94 metri, ha formato un gigantesco lago di 165 Kmcircondato da una catena montuosa calcarea.

Il lago ha numerose isole, insenature e baie fiancheggiate da piante con radici contorte e in alcuni punti raggiunge la profondità di 30 metri. All’interno di questo parco nazionale vedrai davvero panorami indimenticabili ed inusuali.

Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam
Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam

Sulle colline spicca la foresta pluviale, ma sarai colpito alla vista del fogliame delle piante che spuntano dall’acqua, incredibile a vedersi. Questo parco nazionale è oggetto di un elevato grado di protezione da parte del governo thailandese.

Il parco nazionale di Khao Sok e Ratchaprapa Dam sono forse i più belli e incontaminati luoghi di pesca in Thailandia e offrono al pescatore la vista di incantevoli paesaggi, numerose grotte di pietra calcarea, oltre ad abbondante fauna selvatica rispetto al resto del sud-est asiatico.

Ci sono almeno tre strutture galleggianti con piccole casette, situate in diverse parti del lago, in modo da poter pernottare lì ed avere una comoda base per i vari trekking o eventuali battute di pesca. Nelle colline circostanti vivono gibboni, cervi, martin pescatore, aironi, scimmie selvatiche e una miriade di altre creature selvagge ed esotiche. Per la prima ed unica volta nella mia vita, lì al parco nazionale ho visto un tapiro in carne ed ossa che non fosse quello ben più famoso di Striscia la Notizia.

Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam
Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam

Dal momento che ci sono tante cose interessanti da vedere, personalmente raccomando di rimanere almeno 2 giorni al lago e altri 2 giorni a Khao Sok, ma come prima visita possono bastare 2 giorni/1 notte al lago; ti consiglio inoltre di scegliere attentamente la struttura dove alloggerai. Io non l’ho fatto (mannaggia a me) e mi sono ritrovata in un gruppo di bungalow baracche gestito dal Governo (TON TOEY RAFT HOUSE), che va benissimo se sei a corto di soldi o se ti piace vivere davvero all’avventura. All’interno del “bungalow” troverai solo un materassino per terra e due cuscini che risalgono alla Seconda Guerra Mondiale. Punto. Niente ventilatore (pensavi all’aria condizionata?), niente frigo, niente bagno e, soprattutto, niente elettricità. Non c’è nemmeno la ricezione del telefono, sarà la scusa buona per staccare un po’ dal resto del mondo e goderti lo spettacolo che la natura del parco nazionale ti offre. Sappi che l’acqua del lago è incredibilmente calda ed invitante, con un po’ di fantasia si trasformerà nella più grande vasca da bagno che tu abbia mai visto.

Parco Nazionale (Le baracche governative)
Parco Nazionale (le baracche governative)

Fortunatamente potrai scegliere anche altre opzioni più confortevoli e addirittura “luxury”: vai a curiosare tra le soluzioni offerte da Booking.com per gli hotel in zona (ecco il link).

Io e la mia fobia degli animali abbiamo scelto di dormire nelle strutture galleggianti sul lago, ma in alternativa puoi optare per le casette sospese sugli alberi all’interno del parco nazionale di Khao Sok. Le casette sugli alberi sono anche in versione “deluxe”, con aria condizionata e acqua calda. Il Khaosok Discovery Boutique Camps è davvero interessante.

Anche se non c’è nulla che vieti di muoversi da soli all’interno del parco nazionale, è altamente consigliato, anzi direi indispensabile, affidarsi ad una guida locale. Io ho avuto la fortuna di imbattermi in Mr. Two (quando, facendo segno con le dita, mi ha detto che si chiamava “2” ho iniziato a chiamarlo “sŏng” che significa 2 in thailandese. Solo dopo mezza giornata mi ha confessato che si chiamava “2, but in English”), un simpaticissimo thai sulla quarantina, che ci ha accompagnato in barca prima e in tutte le escursioni poi.

 

Parco nazionale, la guida Mr. Two
Parco nazionale, la guida Mr. Two

Potrai scegliere fra una serie di escursioni diurne e notturne, tutte davvero interessanti, fra le quali alcuni trekking di facile/media difficoltà. Non perderti l’alba, una delle più belle che io abbia mai visto (purtroppo le foto non rendono mai sufficientemente bene).

Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam
Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam

Decidi bene cosa portare; tieni presente che di giorno fa piuttosto caldo (fino a 35-38° ad aprile/maggio), ma di notte la temperatura scende drasticamente fino a 15-20°. Ricordati una torcia elettrica, repellente per zanzare, felpa, pantaloni lunghi, calze e scarpe, anche se la temperatura non li richiederebbe, ma durante i trekking camminerai su sentieri pieni zeppi di piccole sanguisughe (non sono assolutamente pericolose, ma sgradevoli) e infilare i pantaloni nelle calze ti proteggerà da queste piccole stronzette succhiasangue.

Parco Nazionale Ratchaprapa Dam (Khao Sok)
Parco Nazionale Ratchaprapa Dam (Khao Sok)

Nel parco nazionale di Khao Sok potrai vedere anche la rafflesia: una pianta parassita senza foglie, radici e gambo, ma con il fiore più grande (e puzzolente) del mondo, molto rara e, purtroppo, sull’orlo dell’estinzione. La rafflesia può raggiungere il metro di diametro, le dimensioni di una ruota di un autobus, e pesare circa 11 kg.

A Khao Sok ho alloggiato al Good View Resort, aperto di recente, molto pulito e dotato di tutti i comfort; il proprietario, un gentilissimo signore thai, organizza le varie escursioni a prezzi veramente competitivi e di buona qualità (Mr. Two è stato contattato da lui).

Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam
Parco Nazionale Khao Sok Ratchaprapa Dam

Info utili:

  • quando sono andata al parco nazionale, l’ingresso costava 200 baht per gli stranieri, 100 baht per gli studenti e 40 per i thai;
  • il parco nazionale è aperto e visitabile durante tutto l’anno, ma a dicembre e gennaio, quando il meteo è migliore, sarà sicuramente più affollato;
  • Khao Sok National ufficio informazioni: 077-299 150, 299 151, 395 134;
  • Ratchaprapa dam ufficio informazioni: 077-240 740/5.

About Nostramanus

mm
Quando ero piccina ho iniziato a parlare e a camminare molto tardi, forse è per quello che non ho mai più smesso! La curiosità è femmina e quindi mi appartiene, amo viaggiare e vedere con i miei occhi luoghi, culture e abitudini diverse dalla mia. Da qualche anno vivo stabilmente a Koh Samui in Thailandia e la amo profondamente con tutti i suoi pregi, difetti e contraddizioni e posso dire con assoluta certezza che quest’isola, ormai, non ha più segreti.

Check Also

klong hin beach koh kood 3

L’ isola di Koh Kood in Thailandia| Relax, natura, spiagge e cascate

Bellissime spiagge, cascate da cui ci si può anche tuffare, natura ancora preservata, pochissima gente …