Home / Thailandia Info / Cultura / Sposarsi in Thailandia |Matrimonio in Thailandia
Sposarsi in Thailandia
Sposarsi in Thailandia

Sposarsi in Thailandia |Matrimonio in Thailandia

Sposarsi in Thailandia, così come i rapporti di coppia, non sono come in Europa: in Thailandia esiste un diverso approccio nelle coppie, diverse tradizioni che cercherò di spiegare in questo articolo. Dobbiamo toglierci dalla testa i nostri preconcetti cattolici se vogliamo cercare di capire il loro punto di vista che nella maggior parte dei casi potrebbe sembrarci assurdo. Loro vedono tutto in maniera diversa da noi, quello che è giusto per noi può essere sbagliato per loro e viceversa

Per secoli in Thailandia, così come in altre parti del mondo, i matrimoni venivano combinati in base alla proprio livello sociale o per opportunismo; in Thailandia è stato così fino a non molti anni fa, ora questo sta quasi scomparendo. Rimane comunque a tutt’oggi un punto fermo che la coppia prima di tutto deve essere accettata dai rispettivi genitori, diversamente dovrebbero allontanarsi dalle famiglie, cosa che i thailandesi non fanno quasi mai, perché in Thailandia i legami famigliari sono molto importanti.

Il corteggiamento

Iniziamo col parlare dei ragazzi, i classici fidanzatini: da noi ci si conosce in giro ad una festa ecc. ed è normale che ci si possa fidanzare oggi e lasciare domani. In Thailandia non è così, se e quando ci sono rapporti occasionali, questi sono assolutamente all’insaputa dei genitori e da occhi indiscreti: qui non si passeggia tenendosi per mano, non ci si abbraccia, né tanto meno ci si bacia in pubblico (loro tra l’altro non si baciano come facciamo noi, diciamo che si annusano intensamente).

Il corteggiamento della ragazza una volta avveniva regalando dolcetti, non come da noi che si regalano fiori (quelli non sono commestibili), mentre ora le ragazze si corteggiano regalando loro almeno un iPhone.

Sposarsi in Thailandia | La riunione dei genitori

Se e quando ci si innamora di una ragazza, questo va comunicato ai genitori di entrambi, ci si dà un appuntamento parenti compresi e i genitori discutono, valutano e decidono sia la fattibilità di questo rapporto che i rispettivi impegni; normalmente i genitori accettano solo rapporti di ragazzi dello stesso livello sociale, ancora meglio se di uno più in alto, ma mai accetterebbero uno più basso: in pratica i ricchi si sposano con i ricchi, i poveri con i poveri.

Sposarsi in Thailandia
Sposarsi in Thailandia

 

Stabilito che siano di ranghi sociali simili, i genitori della ragazza decidono di quanto deve essere la dote che lo sposo dovrà portare, che consiste in denaro, oro e in alcuni casi si concorda anche quanti maiali e galline serviranno per il rinfresco, mentre da parte delle sposa è di rito che la mamma prepari dei cuscini e abiti di seta da dare alla mamma dello sposo.

La dote verrà stabilita in base alla ricchezza della ragazza, più sarà ricca più si alza la dote, che parte da un minimo di centinaia di migliaia di baht (5.000 euro) fino ad arrivare nel in caso di famiglie ricche a milioni di baht. Se la ragazza è figlia unica o ultima figlia, la dote cresce ancora di più, perché per tradizione, mentre tra gli altri figli verrà spartita una parte delle ricchezze dei genitori, la fetta più grande rimane alla femmina più piccola. In quel caso lo sposo si trasferirà a casa di lei, avrà il diritto e il dovere di prendere possesso e gestione di tutte le attività e dei beni dei genitori, di prendersi cura degli stessi, di mantenerli fino alla loro morte.

Anche se potrebbe sembrare un racconto del medioevo, posso assicurarvi che ancora funziona così e raramente non si rispettano queste regole: qui c’è molto rispetto per i genitori e se i genitori non sono d’accordo, i figli accettano le loro decisioni, diversamente si allontanano dalla famiglia praticamente diseredati.

Stabilita la dote, che poi normalmente viene anche pattuita dai rispettivi genitori tirando sul prezzo fino a raggiungere una cifra equa per entrambi, si decide la data del matrimonio (per farlo ci si rivolge a monaci o anziani che conoscono i giorni propizi per il matrimonio); se la riunione avrà avuto buon esito, da quel momento in poi la coppia potrà frequentarsi. Per regola non dovrebbero avere rapporti, perché la sposa “dovrebbe” arrivare vergine al matrimonio ( esisteva e teoricamente esiste ancora la regola che se la sposa a sorpresa dello sposo non fosse vergine o rifiutasse poi di avere rapporti con lo sposo, questo avrebbe il diritto di reclamare la restituzione dell’intera dote e lo scioglimento del matrimonio). Di regola, una volta raggiunto l’accordo può passare anche un anno o due prima della data del matrimonio, tempo necessario alla sposo per procurarsi la dote in questione.

Sposarsi in Thailandia | La cerimonia

Quando ci si avvicina alla data del matrimonio vengono preparati dei biglietti d’invito al matrimonio (un po’ come da noi) che poi verranno dati a parenti e amici, annunciando la data dell’evento.

Il matrimonio per tradizione si svolge nella casa della sposa e dura circa 3 giorni, mentre nella casa dello sposo si tiene un rinfresco prima di accompagnarlo tutti insieme alla casa delle sposa, cosa che un volta avveniva cavalcando un elefante, ancora oggi alcuni lo fanno.

La cerimonia viene celebrata di solito dall’anziano del villaggio, con la recitazione di varie preghiere di monaci e lo svolgimento di vari riti… Conclusa la cerimonia, tutti gli invitati legheranno ad un laccio una banconota, che poi verrà legata sia al polso della sposa che dello sposo; normalmente ogni invitato ne prepara due, poi i genitori della sposa accompagnano la sposa nella camera da letto precedentemente allestita appositamente per la cerimonia, dove nel frattempo lo sposo è andato ad attendere, uscendo chiudono la porta per poi andare ad ubriacarsi ed abbuffarsi, gli sposi usciranno poi più tardi…..

Da questo momento in poi, musica spaccatimpani, grappa di riso e birra a volontà (in alcune zone preparano anche il ”lao sà tò” che è una fermentazione del riso per produrre una bevanda alcolica dolciastra), gioco d’azzardo e cibo a non finire, andando avanti almeno per tutta la notte e anche il giorno dopo.

Gli invitati, anche se non si fermeranno per la cerimonia, porteranno comunque in dono del denaro: in pratica dovrà essere almeno superiore alla cifra che loro a loro volta hanno ricevuto in uno dei matrimoni della loro famiglia dalla famiglia degli sposi, cifra che quindi potrà variare da qualche centinaio di baht, fino a migliaia e oltra per famiglie ricche. Questo denaro andrà poi agli sposi, superando spesso anche la somma spesa per la dote.

La dote in denaro resterà ai genitori della ragazza, anche se molto spesso tolte le spese del rinfresco il resto viene restituito agli sposi, anche se non è un obbligo; l’oro che viene portato in dote dallo sposo per adornare la sposa normalmente si avvicina alla stessa somma del denaro e rimarrà di proprietà personale della sposa in questione.

About Kafè

mm

Check Also

Thailandia: perchè e quando optare per un tour operator

Thailandia: perchè e quando affidarsi ad un tour operator

Thailandia, non solo soggiorno mare Quando si parla di Thailandia la prima cosa che ci …